exhibition

Esposizione di Pittura Futurista di "Lacerba"


ID: 607, Status: completed
Exhibition period:
Nov 1913‒Jan 1914
Type:
group
Organizing Bodies:
Galleria Gonnelli
Currency:
L (Italian Lira)
Quickstats
Catalogue Entries: 41
Artists: 5
Gender: female: 0, male: 5
Nationalities: 1
collapse all Catalogue View List View
Date Title City Venue Type
Date Title City Venue # of common Artists
Feb 5‒24, 1912 Les Peintres Futuristes italiens Paris MM. Bernheim-Jeune & Cie 5 artists
May 14‒Jun 10, 1914 Prima Esposizione di pittura futurista Naples Galleria Permanente Futurista 5 artists
Feb‒Mar 1914 Esposizione di Pittura Futurista / Boccioni, Carrà, Russolo, Balla, Severini, Soffici Rome Galleria Futurista - Sprovieri 5 artists
Feb 21‒Mar 21, 1913 Prima Esposizione Pittura Futurista Rome Foyer del Teatro Costanzi 5 artists
May 18‒Jun 15, 1913 Les Peintres et les Sculpteurs Futuristes Italiens Rotterdam Rotterdamsche Kunstkring 5 artists
Mar 5, 1912 Exhibition of works by the Italian Futurist Painters London Sackville Gallery 4 artists
Apr 12‒May 15, 1912 Der Sturm. Zweite Ausstellung. Die Futuristen Berlin Gilka-Villa 4 artists
May 20‒Jun 1912 Les Peintres Futuristes Italiens / Exposition Brussels Galerie Georges Giroux 4 artists
Jul 1912 Die Futuristen [Wanderausstellung Der Sturm] Hamburg Hamburg (exact location unknown) 4 artists
Aug‒Oct 1914 Der Sturm. Die Futuristen [Achtundzwanzigste Ausstellung] Berlin Der Sturm [venues] 4 artists
Apr‒May 1914 Exhibition of Works of the Italian Futurist Painters and Sculptors London Doré Gallery 5 artists
1914 Der Sturm. Neunundzwanzigste Ausstellung Berlin Der Sturm [venues] 3 artists
Jan‒Feb 1913 A Futuristák és Expressionisták kiállitása [Exhibition of the Futurists and Expressionists] Budapest Nemzeti Szalon 4 artists
1915 Sammlung Walden. Gemälde, Zeichnungen, Plastiken Berlin Der Sturm [venues] 3 artists
Sep 20‒Dec 1, 1913 Der Sturm. Erster Deutscher Herbstsalon Berlin Lepke-Räume 5 artists
Dec 15, 1909‒Jan 8, 1910 Esposizione Annuale d'Arte della Famiglia Artistica Milan Famiglia Artistica 2 artists
Catalogue
Esposizione di Pittura Futurista di "Lacerba". 1913.
Printed by: Tipografia A. Vallecchi, nr. of pages: 30.
Holding Institutions: BIASA- Biblioteca di archeologia e storia dell'arte, online: Universitätsbibliothek Heidelberg
Preface
" Dalla famosa serata dell’8 marzo 1910 al Teatro Chiarella di Torino, dove, al fianco del poeta Marinetti, lanciammo il nostro primo manifesto della Pittura futurista contro migliaia di avversari, noi abbiamo molto combattuto, molto conquistato e intensamente lavorato!
E oggi possiamo affermare senza alcuna boria, che questa Esposizione di Pittura futurista a Firenze è la più importante manifestazione dell’arte italiana, da Michelangelo ad oggi.
Noi siamo infatti, dopo secoli di letargo, i soli giovani italianai che veramente si preoccupino di rinnovare la pittura e la scultura del nostro grande paese, obbrobriosamente disonorate dalla più vile apatia intellettuale e dal commercialismo più spudorato.
Le esposizioni futuriste di Parigi, Londra, Berlino, Bruxelles, Amburgo, Amsterdam, L’Aia, Monaco, Vienna, Budapest, Dresda, Zurigo, Roma, Rotterdam, ecc., che suscitarono così vasto tumulto di polemiche, hanno dimostrato che solo per noi oggi l’Italia è all’avanguardia della pittura mondiale.
Con un accanito fervore di ricerche, abbiamo rapidamente maturato e superato in noi stessi tutte le meravigliose fasi della pittura francese nel diciannovesimo secolo, fino alle ultime espressioni dei nostri amici Fauves e Cubisti, dai quali, malgrado la nostra stima e la nostra amicizia personale, dissentiamo.
L’importanza decisiva della nostra rivoluzione artistica ci ha ormai dato, all’estero, numerosi seguaci, ed è stata pure constatata dai maggiori critici esteri, fra i quali ci basta citare Brooke, del Times, P. G. Konody della Pall Mall Gazzette, Herwarth Walden della rivista Der Sturm, Ray Nyst della Belgique artistique et littéraire, Guillame Apollinaire, ed il poeta Gustave Kahn. L’illustre creatore del verso libero francese, che è anche il più moderno critico d’arte parigino, proclamò infatti in due articoli del Mercure de France che ‘certamente non si vide mai un movimento novatore altrettanto importante, dopo le prime esposizioni dei Pointillistes’.
Pure ammirando l’eroismo dei nostri amici Cubisti, pittori di altissimo valore, che hanno manifestato un lodevole disprezzo per il mercantilismo artistico e un odio possente contro l’accademismo, noi ci sentiamo e ci dichiariamo assolutamente opposti alla loro arte.
Essi si accaniscono a dipingere l’immobile, l’agghiacciato e tutti gli aspetti statici della natura. Adorano il tradizionalismo di Poussin, d’Ingres, di Corot, invecchiando e pietrificando la loro arte con una ostinazione passatista che rimane, per noi, assolutamente incomprensibile.
Con dei punti di vista assolutamente avveniristici, invece, noi cerchiamo uno stile del movimento, il che non fu mai tentato prima di noi.
Ben lontani dall’appoggiarci sull’esempio dei Greci e degli Antichi, noi esaltiamo incessantemente l’intuizione individuale con lo scopo di fissare leggi completamente nuove, che possano liberare la pittura dall’ondeggiante incertezza nella quale si trascina.
La nostra volontà di dare, quanto più sia possibile, ai nostri quadri una costruzione solida non potrà certo ridurci ad una tradizione passata qualsiasi. Ne siamo convinti!
Tutte le verità imparate nelle scuole o negli studi sono per noi abolite. Le nostre mani sono abbastanza libere e abbastanza vergini per ricominciare il tutto.
È indiscutibile che molte affermazioni estetiche dei nostri compagni di Francia rivelano una specie di accademismo larvato.
Non è infatti un ritornare all’Accademia il dichiarare che il soggetto, in pittura, ha un valore assolutamente insignificante?
Noi dichiariamo invece che non può esistere pittura moderna senza il punto di partenza di una concezione assolutamente moderna, e che nessuno può contraddirci quando affermiamo che la nostra pittura è fatta di concezione e sensazione finalmente riunite.
Se i nostri quadri sono futuristi è perché essi rappresentano il risultato di concezioni etiche, estetiche, politiche e sociali assolutamente futuriste.
Dipingere fissando un modello in posa è un’assurdità e una viltà mentale, anche se il modello è tradotto nel quadro in forme lineare, sferiche, cubiche.
Dare un valore allegorico a un nudo qualunque, traendo il significato del quadro dall’oggetto che il modello tiene in mano, o da quelli che gli sono disposti intorno, è secondo noi, la manifestazione di una mentalità tradizionale e accademica.
Questo metodo, alquanto simile a quello dei Greci, di Raffaello, di Tiziano, del Veronese, è tale da disgustarci!
Pur ripudiando l’impressionismo, noi disapproviamo energicamente la reazione attuale, che vuole uccidere l’essenza dell’impressionismo, cioè il lirismo e il movimento.
Non si può reagire contro la fugacità all’impressionismo, se non superandolo.
Nulla è più assurdo che il combatterlo adottando le leggi pittoriche che lo precedettero.
I punti di contatto che la nostra ricerca dello stile può avere con ciò che si chiama arte classica non ci riguardano affatto.
Altri cercheranno e troveranno certamente queste analogie, che in ogni caso non possono essere considerate come un ritorno a dei metodi, a delle concezioni e a dei valori trasmessi dalla pittura classica.

Alcuni esempi chiariranno la nostra teoria.
Noi non vediamo alcuna differenza fra uno di. quei nudi che chiamiamo comunemente artistici, e una tavola d’anatomia.
Catalogue Structure
Preface, P. 5-17
Boccioni, P. 21
Carrà, P. 22
Russolo, P. 23
Balla, P. 24
Severini, P. 25
Additional Information
Traveling Exhibition
Catalogue Structure altered
Additional Notes
Esposizione di Pittura Futurista di "Lacerba". 1913.

+Gender Distribution (Pie Chart)

+Artists’ Age at Exhibition Start(Bar Chart)

+Artists’ Nationality(Pie Chart)

+Exhibiting Cities of Artists(Pie Chart)

+Catalogue Entries by Type of Work(Pie Chart)

+Catalogue Entries by Nationality(Pie Chart)

Name Date of Birth Date of Death Nationality # of Cat. Entries
Giacomo Balla 1871 1958 IT 4
Umberto Boccioni 1882 1916 IT 11
Carlo Carrà 1881 1966 IT 14
Luigi Russolo 1885 1947 IT 2
Gino Severini 1883 1966 IT 10
Recommended Citation: "Esposizione di Pittura Futurista di "Lacerba"." In Database of Modern Exhibitions (DoME). European Paintings and Drawings 1905-1915. Last modified Aug 5, 2020. https://exhibitions.univie.ac.at/exhibition/607